Movie: The treasure guards

 

ykODvZcTMEMVj1xxT3lJGCOKI2s

A historic discovery in the Jordanian desert leads an archeologist and a covert operative from the Vatican on a frantic treasure hunt in this globe-trotting adventure from director Iain B. MacDonald (Mansfield Park, The Last Enemy). Archeologist Victoria Carter (Anna Friel) is exploring an ancient temple when she discovers a mysterious parchment that appears to reveal the location of King Solomon’s treasure. Meanwhile, The Vatican catches wind of the remarkable find, and dispatches top Treasure Guard Angelo (Raoul Bova) to prevent the treasure from falling into the wrong hands, like those of Angelo’s slippery half-brother Luca (Volker Bruch) who appears unexpectedly to help out with the hunt. But Luca is the least of their worries, because Victoria’s legendary father Teddy Carter (Andre Jacobs) has been hunting this treasure for decades, and he isn’t about to let anyone – including his own daughter – get to it first.
Rating:
NR
Genre:
Action & Adventure , Art House & International , Television
Directed By:
Runtime:
92 minutes
Studio:

Writers:

Richard Kurti (teleplay), Bev Doyle (teleplay)

This week I recommend you to watch the treasure guards, if you like archaeology, mystery and adventure, this is the movie for you.
Starring the italian actor Raul Bova and the british actress Anna Friel in the role of Angelo and Victoria. The two characters are involved in the research of the seal of Solomon.

Dvd – Hanna Montana: the movie

miley-cyrus_COM-hannahmontanathemovie-poster001.jpg

Hannah Montana: il ritorno alle origini

 

 

Hannah Montana the movie è un film prodotto dalla Disney del 2009 diretto da Peter Chelsom Tratto dalla serie televisiva Hanna Montana.

Miley Stewart è una teen ager che ha un segreto, si trasforma in Hanna Montana il suo alterego e all’insaputa dei fans diventa una cantante famosa e di grande successo. E’ difficile per la ragazza conciliare i due mondi perché non riesce più a fare una vita tranquilla. L’amica Lilly le chiede una mano per organizzare la sua festa di compleanno che programmava da tempo ma lei è costretta a fare shopping per i Music Awards e quindi delude la sua amica. Alla fine si precipita alla festa dell’amica nei panni di Hanna Montana e tutti distolgono l’attenzione dalla festeggiata che indispettita dà alcune informazioni sul conto della cantante ad un reporter che vuole fare uno scoop. Roby Ray padre di Miley dice alla ragazza che è il compleanno della nonna ma Miley vuole andare ai Music Awards perché per lei è un evento importante. Il padre se la prende molto e la porta con l’inganno nel Tenessee. La ragazza appena realizza il luogo in cui si trova vorrebbe tornare sul jet privato per andare ai Music Awards, lei e il padre hanno un litigio mentre sono in auto diretti alla festa della nonna.Lui vorrebbe che lei smettesse di cantare nei panni di Hannah. La ragazza sbatte la portiera e decisa si avvia in mezzo ai campi con le sue valige rosa Barbie e qui incontra Travis Brody. La ragazza scambia qualche parola con il suo vecchio amico che aveva un interesse per lei quando stava alla fattoria e gli racconta di essere molto amica di Hanna Montana che in realtà è il suo pseudonimo. Miley realizza quale sia la vita della fattoria, nel Tennessee luogo delle sue origini che ormai ha perso diventando Hannah. Qui realizza cosa sia una vita tranquilla, senza l’assalto dei fans, la mattina si ritrova a prendere le uova fresche nel pollaio, a cantare le canzoni country di suo padre, ad andare a cavallo ed a dipingere un capanno con Travis. Il Crawly Corner è un locale del luogo che sta per chiudere, così una sera Travis dice che Miley è amica di Hannah Montana e la ragazza è costretta a confermare che la invita per fare un concerto per salvare il locale. Tutto il paese è in fermento per l’arrivo di Hanna sulla limo, la ragazza con gli occhiali da sole scende dall’auto insieme alla sua agente. Ma viene da porsi una domanda, chi veste i panni di Hannah Montana sulla limousine? Come farà Miley a nascondere il suo segreto e a far perdere le sue tracce al reporter che la insegue? Non resta che vedere il film per saperlo.

Hannah Montana the movie è un film divertente e tutto da ballare, il ritmo incalzante della musica porta a scatenarsi, in una di quelle feste da spiaggia dove tutti si divertono tra pezzi country con i quali si tiene il ritmo e canzoni che fanno da punto di riferimento a tutta la storia come “Hoedown Throwdown” che fa scatenare e battere le mani con il suo ritmo travolgente.

 

 

Cast:

 

 

Miley Cyrus – Miley Stewart/Hanna Montana

Emily Osment – Lilly Truscott

Jaso Earles  – Jackson Stewart

Billy Ray Cyrus – Robby Stewart

Mitchel Musso  – Olver Oken

Moises Arias – Rico

Margo Martingale – Ruby nonna maternal di Miley e Jackson

Malora Hardin – Lorelei

Barry Bowick – Se stesso imprenditore locale

Peter Gunn – Oswald

Lucas Till – travis Brody

Vanessa L. Williams – Vita

 

Hannah-Montana-the-Movie-miley-cyrus-3867994-1280-1024.jpg
hannah-montana-movie-image.jpg
HMmovie013.jpg2.jpg

 

 

 

Articolo di Isabella Bianchini

Film tv: Non smettere di sognare

 

 

 

Non smettere di sognare

 

Cosa sei disposto a fare…

…per realizzare i tuoi sogni?

 

 

Foto Vincenzo Di Cillo – Photomovie

 

Stella Carossi vive a Genova insieme alla sorella Anna e al patrigno. La sua vita è fitta e complessa perché durante il giorno vende il pesce, mentre la sera lavora come cubista in discoteca aiutando a mantenere anche il padre che l’ha cresciuta che ha problemi con l’alcool. Una sera giunge un produttore musicale Lorenzo Molinari con l’intento di girare un video. Vorrebbe coinvolgerla a prenderne parte ma lei non ne vuole sapere benché ballare sia il suo sogno di sempre avendo frequentato corsi di danza fino da bambina. Così Alessia, una collega ballerina, gelosa della sua bravura, personaggio cinico e arrivista, si comporta con lei in modo molto scorretto facendola cacciare dal locale. Il giorno seguente, mentre Stella vende il pesce al mercato vede di nuovo Lorenzo e proprio lui la incastra a girare il video di Tormento come protagonista. In seguito le da il suo biglietto da visita ma lei non ne vuole sapere di proseguire con il ballo. La sua vita è troppo complessa al momento e dopo la morte della madre ha deciso di smettere con il ballo professionale. La sorella Anna nel frattempo parte per Milano alla ricerca del successo e in breve Stella la seguirà perché la sua vita insieme al patrigno diventerà insostenibile. La ragazza scopre che l’uomo le ha nascosto che la scuola internazionale di danza di Milano le ha offerto la possibilità di fare un provino. All’accademia di danza internazionale però i giudici non comprendono fino in fondo il suo modo di ballare e così Stella fa visita alla sorella che vive con un gruppo di coetanei. Ben presto scopre che Anna non lavora in televisione come le aveva detto per telefono ma come cameriera in un ristorante. Così anche Stella accetta di lavorare in qualità di cuoca e una sera incontra di nuovo Lorenzo che è a cena proprio nel suo ristorante. Lei cerca di evitarlo in ogni modo ma poi lui la riconosce e la invita a prendere parte al nuovo show “Non smettere di sognare”, dove 10 partecipanti si cimentano nel ballo. Lei rifiuta ma in seguito chiederà all’uomo di farvi partecipare la sorella. Nel frattempo Lorenzo dichiara apertamente i suoi sentimenti a Stella che comprende che l’uomo non la stia prendendo in giro.

Anna, interpretata da Sara Bellodi, è una ragazza molto fragile, fatica ad affrontare gli ostacoli della vita e non riesce a stare al passo con le altre concorrenti del concorso così è costretta a lasciare lo spettacolo. Lorenzo propone quindi a Stella di sostituirla. Lei a questo punto accetta  ma vivrà degli evidenti ostacoli con Alessia anche lei concorrente del programma. Stella è una ragazza molto tosta, grintosa e convinta dei suoi sogni. Al contrario dei suoi coetanei non vuole assolutamente accettare compromessi per raggiungere la sua meta di ballerina. Non smettere di sognare è una favola moderna diretta da Roberto Burchielli – “è un film che ha dei pezzi musicali particolari” – dice il regista.

Alessandra Mastronardi ha vissuto una vera full immersion nella danza per interpretare Stella e afferma – credo che questa fiction abbia più di un messaggio non credo che ce ne sia uno unico, il titolo non smettere si sognare è già un messaggio un’altro è che nel mondo per esempio dello spettacolo primo non è tutto oro quello che luccica e non si scende a compromessi se si vuole veramente raggiungere un bel risultato.”

“Non smettere di sognare” è un film intenso, che trascina lo spettatore passo passo a seguire il percorso della protagonista Stella e a comprendere quindi che pur tenendo i piedi per terra bisogna lasciarsi trasportare dai propri sogni. E’ molto trainante nell’evolversi delle vicende e fa vivere allo spettatore sia l’energia del ballo sia la tenacia con cui la protagonista affronta ogni evento le si prospetti davanti.

Credo che il regista Roberto Burchielli abbia voluto far percepire l’energia e la vita di spettacolo con tutte le sue sfaccettature, tenendo bene a mente la convinzione della protagonista nel voler raggiungere i suoi desideri.  

 

Come critica potrei dire che è un film piacevole da seguire, come spettatrice mi sarebbe piaciuto un finale con più suspence sull’elezione della vincitrice.

Come in ogni film c’è sempre un grande lavoro dietro le quinte benché da fuori si vedano solo le scene già montate, così alla fine il regista prova un’emozione fortissima quando guarda il suo lavoro sullo schermo, solo lui sa la realtà che vuole comunicare con la sua ottica. Il suo entusiasmo viene trasmesso ai protagonisti che vi hanno preso parte e vissuto questa esperienza insieme. 

 

Recensione di Isabella Bianchini

 

 

Mediaset
presenta un film prodotto da RTI

Produttore esecutivo
Fabrizio Dacomi

Produttore
Luigi Forlai

Direttore di produzione
Vania Prada

Regia
Roberto Burchielli

Direttore Fotografia
Gigi Martinucci

Autori
Luca Biglione,
Herbert Simone Paragnani

Editor
Allegra Groppelli

Aiuto Regia
Alessandro Paseri

Musica
Fabrizio Lamberti

Scenografia
Patrizia Ambrosiani

Costumi
Roberta Beolchini

Casting
Manuela Cotugno

Make-up
Anna Di Domenico,
Simona Brambilla

Hair
Pierpaolo Caro

Organizzatore di produzione
Stefania Simoni

Delegato di produzione
Laura Persona

Consulente musicale
Andrea Parazzoli

Interpreti
Alessandra Mastronardi, Roberto Farnesi, Sara Bellodi, Benedetta Valanzano, Ruggero Cara, Emanuela Tittocchia, Gledis Cinque, Giuseppe Russo, Mario Gualandi, Samya Abbary, Lidia Cocciolo, Cesare Dapiaggi, Cleopatra Piras, Alex Pacifico, Fabrizio Lo Presti, Simonetta Solder, Francesca Leto e con Oriella Dorella, Pamela Prati

 

 

Foto Vincenzo Di Cillo – Photomovie

Alla ricerca dell’isola di Nim

 

Nim’s island

 

 

 

locandina alla ricerca dell'isola di nim.jpg

 

Nim è una ragazzina di circa 11 anni che vive con suo suo padre Jack Rusoe in un’isola a sud del Pacifico. E’ il loro paradiso segreto visto che quel luogo è completamente inesplorato e selvaggio. Jack è un famoso scienziato costretto a spostarsi su quell’isola per il suo lavoro e ogni giorno riceve e-mail da ogni parte del mondo. Così mentre  lavora alle sue ricerche, la figlia gioca con la sua iguana Virgola, il pellicano Galileo e adora letteralmente leggere i romanzi d’avventura di Alex Rover un famoso avventuriero, un eroe che l’attira a divorare tutto il libro poco prima di addormentarsi. Un giorno Jack decide di allontanarsi dall’isola per un paio di giorni per delle ricerche, vorrebbe portare Nim con sé ma la ragazzina deve badare alle sue tartarughe e non vuole allontanarsi Controllando la posta al computer Nim realizza l’e-mail di Alex Rover, che domanda aiuto a suo padre interessata alla sua ricerca per la sua ultima avventura letteraria. La ragazzina non riesce a credere che proprio il suo eroe stia inviando un’e-mail domandando di suo padre così inizia uno scambio di lettere. In realtà, Alex Rover è Alexandra Rover una scrittrice, americana, totalmente diversa dall’eroe dei suoi romanzi. Soffre di una forte agorafobia motivo per cui non esce di casa da quattro mesi. Nonostante questo la scrittrice sembra bloccata su un capitolo del suo libro e per questo vorrebbe maggiori informazioni sull’isola dove vive Nim. La donna male interpreta le lettere della ragazzina convinta sia una collaboratrice dello scienziato scoprendo solo in un secondo momento che è una ragazzina. Mentre Jack è per mare, l’improvviso maltempo manda la sua barca alla deriva e così naufraga in mezzo al mare. Nim disperata si rivolge ad Alex Rover chiedendole aiuto, convinta che sia l’avventuriero dei suoi racconti, ignara si tratti di una donna terrorizzata da tutto. Alexandra capisce che la ragazzina ha bisogno di lei ma non ha il coraggio di imbarcarsi in questa avventura. Non riesce nemmeno a mettere piede fuori casa per prendere la posta figuriamoci come potrebbe raggiungere un’isola nel sud del Pacifico. A quel punto Alex Rover l’eroe dei suoi romanzi la esorta a partire, la scuote a tirare fuori il suo lato coraggioso. Così si trova costretta a partire alla ricerca dell’isola. E’ agitata, non lascia casa da mesi e si sente completamente disorientata e spaventata. Sarà allora che dovrà tirare fuori l’Alex Rover che è in lei e tirare fuori tutto il suo coraggio per affrontare questa avventura. Questo film tra la fantasia e la realtà è molto avvincente e vede protagonista Jodie Foster nel ruolo della scrittrice Alex Rover. Riesce perfettamente ad incarnare il ruolo di Alexandra, che vive di mille paure e si agita solo al pensiero di dover varcare la porta di casa per ritirare la posta. E’ un personaggio spesso in lotta con se stesso perché si trova di fronte a scelte difficili, che sfoggia un buon senso dell’umorismo e che sembra divertente nel suo continuo confrontarsi con nuove situazioni alle quali teme di far fronte.

La donna litiga continuamente con il suo alterego, l’eroe dei suoi romanzi che ha il coraggio che lei non ha mai avuto, lei al contrario ha mille fobie, al punto che lui la scuote per farle capire che deve tirare fuori il suo io coraggioso, il suo lato che ama l’avventura fin’ora rimasto intrappolato nei suoi romanzi. Lei non ne vuole sapere finché non è obbligata a seguire il suo istinto e a trovare la fiducia di cui tanto parla nei suoi romanzi. E’ la fiducia il segreto per seguire l’avventura.

Tratto dal romanzo di Wendy Orr il film è stato girato nell’isola di Hinchinbrook in Australia ed è diretto da Jennifer Flackett e Mark Levin.

Gerard Butler interpreta Jack il padre di Nim nonché famoso scienziato e l’eroe Alex Rover, una specie di Indiana Jones eroe dei romanzi di avventura.

Abigail Breslin è invece la piccola Nim che per contrasto vive da sempre sull’isola e ha uno spirito avventuriero, non teme certo di rimanere da sola sull’isola quando il padre si allontana e sogna di incontrare il suo eroe Alex Rover.

Nella colonna sonora del film troviamo anche “Beautiful day” cantata dagli U2.

 

Titolo originale: Nim’s island

Nazione : U.S.A.

Anno : 2008 Genere: Avventura, commedia

Durata: ‘96

Regia: Jennifer Flackett, Mark Levin

Produzione: Film Farm Walden Media

Distribuzione : Moviemax

 

 

nimsisland2.jpg

 

nimsisland1.jpg
nimsisland5.jpg

 

Se anche voi avete vissuto un viaggio avventuroso, un’esperienza su qualche isola tropicale che vorreste raccontare o se semplicemente avete deciso di cambiare vita, per andarvene da qualche parte chissà dove scrivete alla redazione: ib.koala@yahoo.it

 

 

 

Recensione di Isabella Bianchini

 

 

 

 

Bookmark and Share

Film tv: Amore a domicilio

Amore a domicilio

(Das bißchen Haushalt)

 

A Monaco, la promessa di una nuova vita…

…e se la vita cambiasse davvero?

2430155,FBov0ay4GX84yLaI4IOSZB60J6q5gwGyfWcTJgRKrDfOyX1mTNdljBUt0fn9elSA2c7lgs1_B6KGNKrZqHaPRQ==.jpg

N.b. Consiglio di guardare prima il film e poi di leggere questa recensione visto che la storia è piena di colpi di scena, ma se proprio non resistete…

Irina è una casalinga di trentadue anni costretta a continui trasferimenti a causa del lavoro di suo marito Reinhard. Finalmente l’uomo le comunica di un nuovo spostamento a Monaco di Baviera per una vita più stabile. La donna  è molto entusiasta della nuova casa, elegante dove adesso abita e di ritrovarsi nella sua città di origine. Mentre incomincia a organizzare il futuro, il marito la sorprende ancora una volta comunicandole di doversi trasferire per tre mesi a New York. Irina in un primo tempo cerca di arrangiarsi poi recandosi in banca scopre che il marito l’ha lasciata con il conto in rosso. Ora da casalinga è costretta a cercarsi un lavoro visto che non può più mantenere il tenore di vita che ha vissuto fino a quel momento. Una sera una sua amica in panico totale le domanda aiuto perché ha una cena di lavoro, il marito è puntiglioso sulla perfezione della serata, lei ha appena bruciato la cena nel forno e deve badare ai due figli. Sarà a questo punto che Irina le organizzerà una magnifica cena tailandese, sorprendendo il marito e gli ospiti riuscendo a tenere impegnati i ragazzini.

 

Quindi Irina decide di seguire il consiglio della sua amica e inizia una nuova vita, aprendo un’agenzia di servizi e rendendo l’appartamento dove vive un vero e proprio ufficio. Così si convince ad assumere nella società anche la donna che qualche giorno prima aveva incontrato per caso e pareva in ricerca disperata di un lavoro. L’idea è davvero geniale. Irina sembra nata per fornire alle persone diversi servizi, come l’organizzazione del pranzo di nozze o di una cena con ospiti di riguardo.

A Monaco, Irina ritrova un vecchio amico Frank che le dà sostegno sui suoi progetti e prova stima nei suoi confronti. Riuscirà Irina a vincere la sua sfida e a ritrovare il suo equilibrio?

 

“Amore a domicilio” è un film che scorre velocemente, una storia avvincente che continua a sorprendere. La trasformazione che Irina deve affrontare è radicale, da casalinga deve iniziare a lavorare per cercare di risanare i debiti nei quali il marito la lascia. E’ una donna tenace che non si lascia intimidire dagli ostacoli ma reagisce realizzando quella che è la sua identità schiacciata dalle priorità del lavoro del marito. Solo dopo la partenza di Reinhard comprende che l’uomo sembra averla piantata in asso con diversi debiti, se già è sconvolgente la partenza del marito dopo la conferma di una nuova vita stabile a Monaco, lo sarà ancora di più quando lei si ritrova la carta di credito azzerata proprio alla cassa di un supermercato, ancora di più davanti al conto in rosso e al volto di chi le rifiuta un’assunzione. Ormai non può più mantenere l’appartamento raffinato in cui vive ma questo non la intimidisce anzi, sembra proprio un nuovo punto di partenza.

 

“Amore a domicilio” è una commedia tedesca del 2003 diretta da Sharon von Wietersheim. Nel ruolo del marito Reinhard riconosciamo anche Gedeon Burkhard, attore tedesco noto per il famoso telefilm “Il commissario Rex”.

 

La caratteristica del film è proprio l’impostazione della sceneggiatura che da risalto alla storia lasciando spazio ai personaggi di intersecarsi fra di loro con le loro storie benché sia Irina la protagonista principale. La tecnica di recitazione degli attori e l’impostazione della visuale della storia riescono a mostrare molti lati positivi anche nei momenti più ardui della trama, da notare anche la grande mimica dell’amica di Irina quando si fa prendere dal panico prima della cena di lavoro di suo marito.

Recensione di Isabella Bianchini

 

Titolo originale: Das bißchen Haushalt

Paese: Germania (Deutschland)  

Regia: Sharon von Wietersheim

Sceneggiatura: Sharon von Wietersheim

Musica: Jorg Sieber

Genere: Commedia

Data di uscita: 12 settembre 2003

 

Personaggi e interpreti:

 Valerie Niehaus –  Irina Burger

Gedeon Burkhard – Reinhard Burger

Tim Bergmann – Frank

Peter Sodann – Bertram

Billie Zöckler – Jassna

Anaid Iplicjian – Emma Krämer

Anne Cathrin Buhtz – Bärbel

Susanne Schäfer – Conny

2430156,DE9H3lxSxRArrm+3CoTvfCYro6sZm5dIcPkxD0EGPfX4g3OvJEzu+Y+TZxoIgibuNqX_WdyaR93CQKl5i9e9XA==.jpg

2430157,rWZx7p8vVzQUGr8rLFjDdWAv+jhDWfARkJc7p9xGumauxHkekWGP5hy1xUEKBUU3e6arKXBzLYwyXAQoikgjFA==.jpg
2430153,1FNf0pOgfN6yRjPWFCW6n47k6q2ktUQSqHUviYWsBlubsUfi12hhhizWOkB9UmVzqHPoGdOPBspxn7qZ1hbjow==.jpg
2430154,FBov0ay4GX84yLaI4IOSZB60J6q5gwGyfWcTJgRKrDfOyX1mTNdljBUt0fn9elSA2c7lgs1_B6KGNKrZqHaPRQ==.jpg

Programmazione 

101.gif

Canale 301

  • venerdì 30 Gennaio ore 19.25
  • Sabato 31 Gennaio ore 14.05
722.gif
Canale 302
  • Venerdì 30 Gennaio ore 20.25
  • Sabato 31 Gennaio ore 15.05

Sky Cinema + 24:

452.gif

Canale 303

  • Sabato 31 Gennaio ore 19.25

Bookmark and Share