Blue Side Of Los Lopez: The New Album

 

Blue Side

                     Of Los Lopez

 

 

copertina[1].png

 

 

Di solito quando ascolto un cd mi faccio una prima impressione dei pezzi che ascolto, una sensazione che poi mi trasporta nella dimensione di ogni singolo pezzo musicale, ci sono sempre delle caratteristiche che mi attirano fin da subito e che in qualche modo caratterizzano l’ascolto. Il viaggio che si percorre attraverso “Blue Side of Los Lopez”, l’album dell’omonimo gruppo uscito di recente dagli studi di registrazione dopo la realizzazione del loro progetto musicale, è molto intenso.  Letteralmente il nome significa il lato blues dei Los Lopez ma non lasciamoci influenzare dal nome e partiamo con l’ascolto dei brani.

Se siete quelli che sognano una spiaggia bianca tropicale, o sognate di fare surf nei mari del sud, allora questo gruppo fa davvero per voi. Se siete di quelli che amano le vacanze all’avventura, questa è davvero la vostra musica. E’ un genere che metterei immediatamente nel mio lettore mp3 proprio immaginando l’inizio di una vacanza all’insegna del divertimento, di un weekend con l’idea in testa di prendere la vita un po’ come viene.

Saranno dei pezzi che vi accompagneranno nel vostro viaggio, pezzi easy, di quelli che metteresti nel lettore mentre immagini già qualcosa di matto e di divertente allo stesso tempo.

Certo la musica dà ispirazione, visto che le vibrazioni dei pezzi che si ascoltano danno una certa carica e ti regalano la giusta energia per capire da che parte andare.

“My chicken wonna play the blues”, è il primo brano tratto dall’album. E’ un genere tra il blues e il country, mi ricorda anche qualcosa sul genere Billy Ray Cyrus, che di certo ravviva delle magnifiche feste con amici sulla spiaggia, dà la giusta spinta a partire per uno di quei viaggi che mai avremmo pensato di fare o di incamminarci in uno di quei tragitti che non avevamo mai pensato di intraprendere, quindi facciamoci prendere da questa musica ironicamente un po’ folle e partiamo per questo viaggio, così mentre la strada scorre di fronte al nostro sguardo ascoltiamo il nostro pezzo, easy, ritmato e coinvolgente, sembra quasi voglia dirti, life is easy, quindi sei portato a canticchiare la canzone anche se ancora non sai le parole. A questo punto è fatta, se canti un pezzo senza ancora sapere il testo è quello giusto, soprattutto perché ti diverti a sentirlo. Il lato strumentale è davvero vivace e allo stesso tempo sembra di stare in mezzo ad una performance di qualche festa dove tutti si divertono e ballano ascoltando buona musica.

La voce di Ivo il cantante del gruppo è pulita e anche ben equilibrata, lui stesso ha ammesso di divertirsi molto quando canta, non vede il canto come una tecnica, quanto più come uno stato d’animo, un attitude, quasi si facesse prendere dalla vena del momento e così come un surfista prende la sua onda, il gruppo sembra trovare l’armonia giusta all’interno di ogni pezzo che con la sua musica ti parla di un intenso viaggio. Ascoltando “Mama tell me”, immagino un tragitto, terroso dove la strada non è asfaltata, un concerto in qualche festival sul mare in giro per il mondo, la musica è scandita e coinvolgente. C’è un genere di musica nella quale ritrovo Ben Harper, Jason Mraz e anche i Blue Side of Los Lopez, cosa li accomuna? Il modo di cantare melodico, fluido e allo stesso tempo sembra quel genere che io chiamo easy.

“Slow rusted blade”, sembra un pezzo soft e insieme anche grintoso, quando ascolto la musica mi capita spesso di immaginare una sorta di habitat, tipico delle influenze che la musica provoca. In questo pezzo immagino la terra rossiccia il cielo turchese, i luoghi tipici del Messico o dell’Australia dove i colori caratteristici sono il verde acqua del mare, il rosso della terra brulla e i terreni selvaggi che si disperdono a vista.

“Heaven in my home” ha proprio un ritmo perfetto tra il country e il blues, tipico di luoghi come il Texas ma non devi percorrere tanta strada per carpirne le emozioni perché sono tutte riassunte all’interno di questo pezzo molto musicale e trainante. Del resto se poi ti ritrovi proprio da quelle parti ti sentirai come a casa, ne percepisci addirittura le origini della gente di quei luoghi, di chi ama la vita in senso semplice ed essenziale.

Un concerto dei Blue Side Of Los Lopez è davvero qualcosa da non perdere pensando al lungo viaggio che ti fanno fare con i loro pezzi, ti portano nel loro ritmo e ti trascinano con la loro musica.

Un po’ come riuscire a trattenere un surfista dal cercare l’onda perfetta, che si avventura per ogni dove per trovare il vento giusto. Qui è esattamente la stessa cosa, quindi rilassatevi, mettetevi comodi e ascoltatevi i pezzi dei Blue Side of Loz Lopez, se poi vi sentirete trainati a ballare non ditemi che non vi avevo avvertito. Questa è la musica giusta per trovare l’onda giusta. Lasciatevi travolgere da questo ritmo e poi non ditemi che non vi state divertendo.

 

 

Recensione: Isabella Bianchini

 

 

 

Video Live Blue Side Of Los Lopez – Version of Chevrolez

 

 

 

 

 

Bookmark and Share

Blue Side Of Los Lopez: The New Albumultima modifica: 2009-03-09T16:45:00+01:00da ib.angus
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Blue Side Of Los Lopez: The New Album

  1. Siete l’Amore

    Vi ho sentiti a Catanzaro durante le feste natalizie, e una sola cosa mi viene da dire sulla vostra musica: siete l’Amore

    Buona musica ragazzi
    Un’emozione per me sentire beat boxing e strumenti insieme
    siete tutti e tre notevolmente in gamba

    vi auguro il meglio per la vita

Lascia un commento