Miley Cyrus: Breakout

Miley Cyrus: un’esplosione di energia

 

Miley Ray Cyrus è nata a Nashville (Tennessee) il 23 novembre del 1992. Il padre, Billy Ray Cyrus, è un famoso cantante country. Ha due fratelli, Trace, chitarrista e corista della band statunitense Metro Station, e Braison, due sorelle, Noah apparsa in qualche episodio di Hannah Montana, e Brandi chitarrista di Hannah Montana. Il vero nome di Miley è Destiny Hope.

All’età di dodici anni Miley si presentò ai casting per il ruolo di Lilly Truscot nella serie tv di Disney Channel “Hanna Montana” ma fu giudicata troppo piccola. Così due anni dopo ottenne la parte della protagonista Zoe Stewart-Hanna Montana dove recita anche attualmente. La serie tv famosa in tutto il mondo  narra la storia di un’adolescente Zoe Stewart che vive una vita normale come tutte le ragazze della sua età ma nasconde un segreto. Di notte si trasforma in Hanna Montana una popstar con milioni di fans. La terza serie di “Hanna Montana” ha appena ripreso la produzione a Los Angeles ed andrà in onda in primavera 2009.

Nel 2006 la Walt Disney Records fa uscire la prima colonna sonora di “Hanna Montana” dove ci sono otto pezzi di Miley nei panni di Hanna Montana. L’album ha scalato tutte le classifiche, è diventata la prima colonna sonora televisiva al primo posto nella Billboard top 200 e triplo disco di platino. Nel 2007 è uscito “Hanna Montana2: meeting Miley Cyrus” In questo album ci sono dieci pezzi cantati come Hanna Montana e dieci pezzi come Miley Cyrus. Questo ha segnato l’inizio della carriera musicale di Myley che si è esibita dal vivo con il tour “Best of the both Worlds”, raggiungendo il primo posto con il film della Walt Disney Pictures “Hanna Montana & Miley Cyrus: Best of the both worlds concert”.

“Breakout” è quindi il primo album che segna il suo debutto di cantante al di fuori del suo ruolo di attrice. Esordendo con il singolo “7 things” Miley dichiara di essere prima di tutto una rocker. La canzone scritta in collaborazione con Antonina Armato e Tim James è un forte rimprovero di amore infedele visto attraverso gli occhi di una ragazza di quindici anni. Il video diretto da Brett Ratner (“Rush Hour”) tira fuori la vulnerabilità sotto la superficie.

Quello che colpisce di più di questa artista è la preparazione artistica benché sia così giovane. In “Seven things” e “Fly on the wall” si legge chiaramente ls sua grinta esplosiva e il suo modo indipendente di dichiarare la sua identità. Spesso a quindici anni ci si ritrova un po’ confusi o ribelli nella ricerca della propria identità che invece Miley sembra aver scoperto attraverso la strada intrapresa. Di certo dimostra molta energia sia nell’atteggiamento trainante della musica sia nella maturità vocale. E’ un album che esce dai canoni del classico e dal quale emerge un carattere rock e una grande vitalità. Di certo le ragazze della sua età amano la sua grinta il suo modo deciso di esprimersi nei testi delle canzoni.

Miley è diventata la più giovane cantante prima nella classifica australiana. Con Miley prima in classifica nell’ARIA album chart, lei e suo padre, leggenda della musica country, Billy Ray Cyrus diventano il primo duo padre-figlia a trovarsi primo in classifica in Australia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Recensione Isabella Bianchini

 

Miley Cyrus: Breakoutultima modifica: 2008-10-01T16:02:00+02:00da ib.angus
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Miley Cyrus: Breakout

Lascia un commento