Vasco Modena Park

19959065_1444612718958786_1756229531133979453_n

 

 

Keywords: Evento, musica

Vasco Modena Park 2017, la scaletta del concerto

Intro: “Also Sprach Zarathustra”
Colpa d’Alfredo
Alibi
Blasco Rossi
Bollicine
Ogni volta
Anima fragile
 (con Gaetano Curreri al piano)
Medley al piano: Jenny è pazza, Silvia, La nostra relazione
Splendida giornata
Ieri ho sgozzato mio figlio
Delusa Medley
 (con Delus, T’immagini, Mi piaci perché, Gli spari sopra, Stasera, Sono ancora in coma, Rock’n’roll show)
Ultimo domicilio conosciuto (con Maurizio Solieri)
Vivere una favola
Non mi va
Cosa vuoi da me
Siamo soli
Come nelle favole
Vivere
Sono innocente
Rewind
Liberi liberi

Interludio – Andrea Braido
Medley Acustico: Ed il tempo crea eroi, Una canzone per te, Ridere di te, Va bene va bene così, Senza parole
Gli spari sopra
Stupendo
Sballi ravvicinati del terzo tipo
C’è chi dice no
Un mondo migliore
I soliti
Salli
Un senso
Siamo solo noi
Vita spericolata
Albachiara

 

images

 

Vasco Modena Park – Fan Kit edizione numerata

 

 

Vasco-Rossi-Modena-2017-foto-recensione-scaletta-concerto-1-luglio-740x494

 

Coldplay – All I Can Think About Is You

All I can think about is you
Taken from the upcoming Kaleidoscope EP, out July 14 (digital) / August 4 (CD & vinyl). Pre-order the EP now: https://parlopho.ne/KaleidoscopeEP
Follow Coldplay:
Credits: Director/ Animation: I Saw John First Animation: Matt Lloyd Producer: Zoe Muslim Production Company: Strange Beast

 

Isaiah Firebrace wins The X Factor australia

 20161118163959_140

 

Congrats to X-factor Australia winner Isaiah Firebrace! Amazing voice, great energy!

Winning the X Factor is a dream come true. After appearing on the show last year and forgetting my lyrics I was too scared to even audition again. Luckily I had really supportive people around me who encouraged me to forget about the year before and just have another go and I am so glad I did. I have had so much incredible support from the public all around Australia and it has made me feel so overwhelmed when people have told me that they have driven from Adelaide and other long distances to see me at the live shows. The people in my home towns of Moama and Echuca have been incredible – thank you so so much to all of the fans who have supported me. I would like to say a huge thank to my mentor Adam who has been the nicest and most caring person during this whole thing. I’ve learned so much from him and I am very very grateful. To all of the producers and crew at X Factor – this ride with you has been incredible. You have all made me feel like part of a big family and I cannot thank you enough. I’m so excited to be working with Sony Music. Never in my wildest dreams did I think I would end up here so to know that I am going to be with Sony is very overwhelming – thank you. To all of my family and friends thank you for all of the great messages of support. Thank you to David Jaanz who has helped me so much and lastly thank you to Christine and Ben at Yoyo Music who have been with me every step of the way. Much love Australia I can’t wait to show you my music….

Listen to my debut single ‘It’s Gotta Be You’ here:http://smarturl.it/ISAIAHIGBYR

 

Nathan Mundraby

12331586_1051177418236055_1673422520_n

 

 

 

Nathan Mundraby is a descendant of Jabulum Mandingalbay Clan – Yidinji Rainforest People and Lama Lama Tribe – Thaypan Country (Weipa South). He is also recognised and allowed to claim ownership to the Djirrbal Tribe – Ravenshoe/Upper Tully. Nathan is a 7th generation descendant of a proud Mandingalbay woman and Tablelands Yidinji/Djirrbal man. Nathan has the Djirrbal Indigenous given name of Midin (possum) given by his father’s mother – Dowiti Yarrakali. His Yidinji tribal name is Yabulam (black cane). He was named after a great tribal elder of generations past. Nathan was taught by his grandparents, parents and Aboriginal Elders of the ways of his ‘people’ through stories, dancing and art.

What the artist says about himself

My name is Nathan Mundraby. I am an artist and a didgeridoo player. I have performed with Hugh Jackman and have been travelling the world for my art. 

If I can do it, so can you. Don’t give up just because you have a knock back. Look for positive people and trust in yourself. 

Nathan Mundraby

You can visit Nathan Mundraby’s facebook page, however I would recommend to take the opportunity to see his artworks in person, to understand why his paintings are so unique.

 

Come la gratitudine può cambiarti la vita

Articoli in rete

Tratto da: madreterra.myblog.it/2016/08/05/la-gratitudine-puo-cambiarti-la-vita/

“Se nella tua vita la sola preghiera che recitassi fosse un semplice ‘grazie’, sarebbe già abbastanza” – Meister Eckhart

E’ meraviglioso constatare come una singola, semplice e positiva azione possa cambiare così tanto nella vita di una persona. Una delle semplici azioni in grado di sortire un effetto straordinario nella mia vita è la realizzazione del potere della gratitudine. Essere riconoscente. Semplicemente dicendo grazie.

La gratitudine ha avuto per me un impatto positivo praticamente su ogni aspetto della mia esistenza. Mi ha reso, credo, una persona migliore. Una persona più positiva, più produttiva. Sicuramente ha contribuito in modo decisivo a rendermi più felice. Non sono perfetto, ovviamente, ma la riconoscenza ha aiutato a rendermi migliore.

Può cambiare anche la tua vita allo stesso modo? Credo proprio di sì. Non ho dubbi che il semplice atto della gratitudine, adottato come parte integrante della vita quotidiana, possa cambiare la vita di chiunque, in modo positivo, profondo ed immediato. Non credo che si possa dire lo stesso di molte altre azioni.

Proviamo a dare un occhiata a come puoi far sì che la gratitudine diventi parte integrante della tua vita, e in che modo possa cambiarla. Quelli che seguono sono semplicemente degli esempi, basati sulla esperienza mia e di coloro con cui ho avuto la possibilità di parlare, e certamente non tutti saranno adatti a te. Ma prova a seguire i suggerimenti che pensi che possano funzionare.

1. Saluta il nuovo giorno con un ringraziamento.

Al mattino dedica un minuto a pensare alle persone che hanno fatto qualcosa di carino per te, che ti hanno aiutato a stare meglio. Pensa a chi rende speciale la tua vita di ogni giorno, a chi ti regala un sorriso, a chi ti ascolta e ti è vicino. Pensa alle persone che ti vogliono bene e ringraziale profondamente dentro di te.
Può sembrare banale, ma ciò immediatamente renderà migliore la tua giornata e ti aiuterà ad iniziarla con il piede giusto. C’è un modo migliore per utilizzare un solo minuto?

2. Quando stai avendo una giornata dura… fai una lista delle cose per le quali sei riconoscente.

Tutti noi abbiamo delle brutte giornate a volte. Siamo stressati dal lavoro. Qualcuno ci ha rimproverato. Abbiamo perso una persona cara. Abbiamo ferito qualcuno che amiamo. Abbiamo perso un contratto o eseguito male un progetto.

Bene, credo che uno dei modi migliori per rendere più piacevole una pessima giornata sia quello di fare una lista delle cose per le quali siamo grati.

Ci sono sempre molte cose per cui essere riconoscenti, anche se a volte tendiamo a non ricordarlo – i nostri cari, la salute, il lavoro, un tetto sopra la testa e dei vestiti addosso, gli amici, la vita in sé.

3. Invece di agire con rabbia, mostra gratitudine.

Si tratta di un cambio di atteggiamento radicale e pertanto non sempre agevole da mettere in pratica. Ma ti assicuro che ne vale davvero lo sforzo.

Se qualcuno, magari un tuo collega, ti ha innervosito o fatto arrabbiare per qualcosa che ha detto o fatto… morditi la lingua e non reagire con rabbia. Fai dei respiri profondi, rilassati, e prova a pensare alle ragioni per le quali dovresti essere grato a quella persona. Ha fatto qualcosa di carino per te? Ha mai mostrato di volerti bene, anche attraverso un piccolo gesto? Trova qualcosa, qualsiasi cosa, anche se non è facile. Focalizzati sulle ragioni per le quali sei riconoscente a quella persona.

Questo cambierà lentamente il tuo stato d’animo. Sentirai scivolare via la rabbia e l’astio che provavi fino a poco prima. E se ti sentirai meglio, mostra quella gratitudine alla persona che ti ha fatto innervosire o arrabbiare. Ciò migliorerà ulteriormente il tuo stato d’animo e le relazioni con il prossimo.

4. Invece di criticare il tuo partner, mostragli gratitudine.

Il principio da applicare è il medesimo del punto precedente, ma vorrei evidenziare come la riconoscenza e la gratitudine possano influire positivamente su un matrimonio o una relazione.

Se critichi continuamente tua moglie, ad esempio, il tuo matrimonio lentamente finirà per sgretolarsi – questo è garantito. E’ importante discutere ed affrontare i problemi, ma a nessuno piace essere continuamente oggetto di critiche.

Al contrario, quando senti l’impulso impellente di esprimere una critica al tuo partner, fermati e fai un bel respiro. Rilassati e pensa alle ragioni per le quali gli sei grato. Ed esprimigli immediatamente questa riconoscenza. Fallo ogni volta che puoi.

Essere riconoscente al tuo partner per tutto ciò che fa per te renderà più salda la vostra relazione. Il tuo partner imparerà da te e farà lo stesso, mostrandoti la sua riconoscenza. Il vostro amore crescerà e tutto sembrerà al posto giusto.

5. Invece di lamentarti dei tuoi figli, sii riconoscente per il fatto di averli.

Molti genitori si sentono frustrati per via dei loro figli. I bambini non li ascoltano, non ubbidiscono, rispondono male, urlano, eccetera. Sfortunatamente, a volte i genitori trasmettono questa frustazione direttamente ai propri figli, con effetti non certo positivi per il loro benessere.

Prova a seguire anche con i tuoi bambini il metodo di cui sopra: invece di arrabbiarti, prova a calmarti e a pensare ai motivi che ti rendono grato di avere quegli splendidi figli. C’è qualcosa di più bello al mondo?
E cerca di prendere l’abitudine di insegnare loro, senza criticarli.

6. Quando affronti una sfida ardua nella tua vita, cerca di esserne riconoscente.

Alcune persone concepiscono le difficoltà necessariamente come qualcosa di non positivo. Se qualcosa va storto, allora hai il diritto di lamentarti. E’ tempo per l’autocommiserazione. Ma questo non ti porterà da nessuna parte.

Prova invece ad essere riconoscente per la sfida che sei chiamato ad affrontare – è un’opportunità per crescere, imparare, diventare migliori. Non male, no?

7. Quando una tragedia ti colpisce, sii grato per la vita che ancora hai vicino a te.

Recentemente ho perso una persona cara. Queste tragedie possono essere devastanti per ognuno di noi. Ma possono essere anche l’occasione per aiutarci ad apprezzare con più intensità la vita che è rimasta intorno a noi.

Sii riconoscente per la vita in sé, tua e dei tuoi cari. Dimostra amore per la bellezza della vita. Prendi queste opportunità per ricordare quanto vuoi bene alle persone che hai vicino e quanto sei felice di vivere la tua vita con loro.

8. Invece di guardare a ciò che ti manca, apprezza quello che hai.

Hai mai guardato intorno a te e pensato di non avere il massimo? Che il posto dove abiti non è la casa dei tuoi sogni, che la tua auto non è così bella come vorresti, che alcuni amici hanno un lavoro migliore del tuo?
Se è così, non sei certo il solo, ma queste sono occasioni perfette per ricordarti di essere riconoscente per tutto ciò che possiedi già. E’ facile dimenticare che ci sono centinaia di milioni di persone che hanno molto meno di te, che non possiedono una macchina e che non l’avranno mai, che non hanno un lavoro e che a stento hanno un tetto sotto cui ripararsi.

Confronta la tua vita con quella di queste persone e sii riconoscente per tutto ciò che hai. Pensa a come poterlo condividere con chi ha di meno. Pensa che ciò che hai è già più del necessario, che la felicità non è una destinazione – la felicità è gia qui.

“Oggi sono fortunato perchè mi sono svegliato, perchè sono vivo, perchè ho tra le mani una vita preziosa, e non la sprecherò. Utilizzerò tutte le mie energie per migliorarmi come persona, per espandere il mio cuore verso il prossimo, per illuminarmi a beneficio di tutti gli esseri viventi, mi comporterò in modo gentile con gli altri, non mi arrabbierò e non avrò pensieri malvagi nei confronti del prossimo, cercherò con tutto me stesso di fare del bene agli altri” – Dalai Lama

Fonte: http://www.vivizen.com/2008/11/8-ragioni-fondamentali-per-cui-la.html

tratto da http://risvegliati.altervista.org/

Movie: The treasure guards

 

ykODvZcTMEMVj1xxT3lJGCOKI2s

A historic discovery in the Jordanian desert leads an archeologist and a covert operative from the Vatican on a frantic treasure hunt in this globe-trotting adventure from director Iain B. MacDonald (Mansfield Park, The Last Enemy). Archeologist Victoria Carter (Anna Friel) is exploring an ancient temple when she discovers a mysterious parchment that appears to reveal the location of King Solomon’s treasure. Meanwhile, The Vatican catches wind of the remarkable find, and dispatches top Treasure Guard Angelo (Raoul Bova) to prevent the treasure from falling into the wrong hands, like those of Angelo’s slippery half-brother Luca (Volker Bruch) who appears unexpectedly to help out with the hunt. But Luca is the least of their worries, because Victoria’s legendary father Teddy Carter (Andre Jacobs) has been hunting this treasure for decades, and he isn’t about to let anyone – including his own daughter – get to it first.
Rating:
NR
Genre:
Action & Adventure , Art House & International , Television
Directed By:
Runtime:
92 minutes
Studio:

Writers:

Richard Kurti (teleplay), Bev Doyle (teleplay)

This week I recommend you to watch the treasure guards, if you like archaeology, mystery and adventure, this is the movie for you.
Starring the italian actor Raul Bova and the british actress Anna Friel in the role of Angelo and Victoria. The two characters are involved in the research of the seal of Solomon.

Video: Chris Martin sings carpool karaoke

This video has become viral…

 

 

screen-shot-2016-02-03-at-9-53-54-am

Chris Martin and James Corden

 

 

 

 

 

 

 

 

Chris Martin sings carpool karaoke

With the Super Bowl just around the corner, and Coldplay being the stars of the halftime show (with a cameo from Beyonce and her wind), it’s only fitting that James Corden would pick Chris Martin up, and drive him to San Francisco.  All whilst enjoying some Carpool Karaoke.  Here’s a clip from The Late Late Show, featuring a medley of Coldplay songs along with some Mick Jagger impressions…and speaking of Super Bowl performances, James Corden should totally  try to get Missy Elliott for Carpool Karaoke.

Carlo Taglia: Vagamondo – Il giro del mondo senza aerei

Scroll down for English1234830_10152201877749517_2071840447_n

Il giro del mondo senza aerei

Di Carlo Taglia

95459 KM

528 GIORNI

24 NAZIONI

Reportage di viaggio del giro del mondo senza aerei. 95450 km, 528 giorni e 24 nazioni per completare questa straordinaria esperienza in solitaria. 

Sognare è umano ma andare oltre ai sogni può diventare divino. Appena ventenne ho fatto la scelta di iniziare a viaggiare andando a Tarifa in Spagna a cercare lavoro. Ho dovuto mettermi sulla strada per rimediare ad un forte malessere autodistruttivo che stava devastando la mia vita. Da quel primo passo è iniziata una straordinaria evoluzione che è diventata il senso della mia vita. Per 3 anni ho vissuto e lavorato tra Spagna, Pakistan, Australia e nuovamente Spagna. Ho provato mestieri di ogni genere come aiuto cuoco, muratore, cooperante umanitario, barista, operaio ed imbianchino. Poi son dovuto tornare a casa ad affrontare una tragedia famigliare che mi ha tenuto fermo per qualche anno, ma che mi ha fatto crescere molto. L’8 Ottobre del 2011 ho deciso di riprendermi la vita di viaggio che mi stavo creando partendo per un avventura particolare come il giro del mondo senza aerei. Ho percorso circa 100.000 km via terra e mare, attraversato 24 paesi in 530 giorni. Un’esperienza di un intensità straordinaria che mi ha cambiato radicalmente nella percezione della Vita e del Mondo. Tornato in Italia ho auto pubblicato il diario di viaggio Vagamondo e all’improvviso sono stato travolto da un imprevisto successo. Decine di migliaia di copie vendute, tanti mesi nella classifica dei bestseller. La più grande casa editrice mi offre un contratto ma rifiuto decidendo di proseguire per la mia libera e indipendente strada. Traduco e pubblico Vagamondo in inglese, ora disponibile in tutti gli amazon online store. Poi spinto dall’interesse della gente scrivo e pubblico anche La Fabbrica del Viaggio, un manuale per chi vuole viaggiare in solitaria e via terra. Pure la nuova pubblicazione entra subito tra i bestseller. Nel frattempo continuo a viaggiare e a conoscere nuove culture approfondendo soprattutto l’India. A 30 anni ho visitato oltre una cinquantina di paesi, l’obiettivo è continuare su questa strada. La mia missione è diffondere il viaggio come medicina dell’anima. Una straordinaria scuola di Vita.

Carlo Taglia

13124740_1350435711638411_834763310787896549_n

Per acquistare il libro:

Il giro del mondo senza aerei